Vai a sottomenu e altri contenuti

PARCO DEI TACCHI SENZA.... 'TACCHI'!

Data pubblicazione on line: 13/12/2011 Data scadenza: 31/01/2012

PARCO DEI TACCHI

Auguri sinceri ai Comuni per la nascita di un Parco, quello dei Tacchi, ma non è vero che venne ipotizzato perla prima volta dalla Provincia, in quanto, dopo un confronto tra l'Amministrazione Comunale di Gairo e Lega Ambiente Ogliastra, venne presentato per la prima volta a Gairo il 17 dicembre 2006 alla presenza dell'esperto di marketing e di parchi, Gianfranco Dall'Ara e delle altre Amministrazioni interessate.
L'idea originaria, nata come soluzione al problema del Gennargentu e quale proposta alternativa, è stata stravolta ed è per questo che alcuni Comuni si sono dissociati. Infatti, a Gairo venne ipotizzato un percorso fatto di contenuti concreti, certamente da discutere, ma sicuramente v'era una idea del progetto. Inoltre, dopo un confronto ed approfondimento tra il sottoscritto e l'allora Sindaco gavoese, Salvatore Lai, venne individuato il percorso della norma di attuazione dello Statuto quale soluzione giuridica, come nello Stelvio, per superare i vincoli e i centralismi della normativa vigente (l.r. 31/89 e l.q.n. 394/91). Un progetto ben diverso da quello attuale!
Oltretutto, va purtroppo riscontrato come non siano stati coinvolti i paesi della vallata di Taquisara e quelli come Seulo e Sadali che rappresentano l'area morfologicamente individuabile come area Tacchi per eccellenza anche per la presenza del monumento naturale quale il Perda e Liana o significative presenze come il Montarbu! Senza togliere nulla ai comuni aderenti che si rispettano tutti, l'area in questione risulta essere almeno per il 50% tutt'altro che l'area dei Tacchi, termine sin troppo elasticamente usato!
In effetti, il Parco dei Tacchi, come concepito originariamente, avrebbe dovuto individuarsi nella vera e propria area dei tacchi e, poi, collegarsi con un corridoio ecologico,all'area costiera del Monti ‘e Ferru!
Oltretutto, il fantomatico sviluppo che tale disegno di Parco dovrebbe perseguire stride con gli innumerevoli vincoli previsti dall'attuale normativa che consegnerà definitivamente, a parere del sottoscritto, un intero territorio a vincoli ulteriori, al consolidamento di un diffuso assistenzialismo che condizionerà ancor piu' negativamente futuro e speranze per questi territori ed alla mera tutela, mancando checché se ne dica nell'idea attuale di parco prevista dalla normativa vigente una qualsiasi finalità produttiva.
Senza la modifica normativa, solo una consistente dote finanziaria avrebbe potuto compensare o giustificare un'adesione magari limitata degli altri Comuni, ma, onestamente, se il buongiorno si vede dal mattino, non è certo allettante la suddivisione di poco più di un milione di euro per tanti Comuni!
Ad ogni modo in bocca al lupo per una scelta che si rispetta ed un'avventura ritenuta personalmente davvero con poche speranze.

MARCEDDU ROBERTO MARINO

A chi rivolgersi

A chi rivolgersi - Referente
Ufficio/Organo: Sindaco
Indirizzo: Via della Libertà 7, 08040 Gairo (OG)
Telefono: 0782-760001
Fax: 078273420  
Email: sindaco@comune.gairo.og.it
Email certificata: sindaco@pec.comune.gairo.og.it
Scheda ufficio: Vai all'ufficio
torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto